Il freddo e i virus

In Pillole di medicina cinese il

Il freddo e i virus

Non so da voi, ma questa mattina qui ci siamo risvegliati nuovamente in pieno inverno. C’era da aspettarsela la recrudescenza di una stagione che era stata troncata prematuramente e adesso che dovremmo essere nell’energia della primavera (vedi post precedente) ci arriva di colpo una stagione invernale. Questo mi ha fatto pensare che è importante fare una precisazione sulle stagioni come le intende la medicina cinese.
Quando parliamo di stagioni secondo la medicina cinese non ci riferiamo alle stagioni del calendario, ma alle energie cosmiche. Mi spiego meglio: ogni stagione ha le sue caratteristiche energetiche e può succedere che nell’arco della stessa giornata si alternino energie di diverse stagioni. Queste energie, come già ho detto nel post precedente, ci influenzano profondamente anche se ci troviamo al calduccio di casa. È importante imparare ad armonizzarsi con ciò che accade fuori e non farsi trovare impreparati. Impariamo ad osservare cosa accade nella natura come fanno ancora alcuni contadini, se ci alleniamo a farlo non è difficile. Pochi giorni fa mi trovavo a Udine quando all’improvviso, in una giornata di inizio primavera, si è manifestata l’energia di un gelido inverno con vento freddo e una bufera di ghiaccio e neve.

Senza volervi allarmare devo precisare che il freddo in medicina cinese è sinonimo di virus. Vale anche per la medicina occidentale in cui sappiamo che il freddo abbassa le difese immunitarie a partire dalle barriere fisiche come le ciglia vibratili presenti nelle cellule delle prime vie respiratorie (lo stesso effetto lo fa il fumo). Per contrastare il freddo cosa possiamo fare? Innanzitutto, sembrerà banale, ma è necessario coprirsi bene soprattutto torace, dorso, collo, orecchie. Bere tisane riscaldanti ad esempio con cannella, cardamomo, zenzero (che inoltre tonificano il polmone).

Il sistema immunitario può essere rinforzato e soprattutto bisogna evitare di inibirlo. Può essere utile usare i cuscini di semi riscaldabili (meglio non al microonde, ma in modo naturale, l’ideale è se avete un camino poggiarle sulla pietra o al limite sui termosifoni) da posizionare dietro al collo all’altezza della vertebra detta “prominente” si capisce perché toccandosi è quella che sporge alla base del collo, lì c’è un punto che stimola l’energia difensiva (la Wei Qi). Un’altra zona che stimola la produzione di Wei Qi è l’addome a circa 4 dita sotto l’ombelico, potete mettere il cuscino anche lì (vedi immagine).

Il freddo e i virus

Ce ne sono altri ma come autotrattamento questi mi sembrano i più comodi da gestire. Sulle stesse zone potete anche usare un olio essenziale di pino. Se volete, potete integrare vitamina C (e anche la D che dovrebbero integrarla tutti a prescindere perché assistiamo ad un’endemica carenza) ma fate attenzione che sia in una formulazione ben assorbibile, chiedete al vostro farmacista di consigliarvi bene. Molto utile anche l’olio di semi di pompelmo che oltre a stimolare il sistema immunitario ha anche proprietà antisettiche e antivirali, bisogna fare attenzione però se si assumono farmaci perché il pompelmo (succo e polpa, i semi sembrerebbe di no, ma meglio evitare) interferisce con l’eliminazione di alcuni farmaci quindi chiedete al vostro medico di famiglia.

Cosa invece inibisce il sistema immunitario? Provate voi stessi a rispondere qui nei commenti…


2 risposte a “Il freddo e i virus”

  1. […] • Evitare di prendere freddo 🌬 (il freddo riduce le barriere difensive delle prime vive aeree ed in medicina classica cinese è sinonimo di virus, vedi pillola numero 3) […]

  2. […] è sinonimo di freddo (vedi pillola 3), il freddo (patologico*) è inteso simbolicamente come l’incapacità di cambiare di fronte ad […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *